Stefania Ruggeri

Ricercatrice & Nutrizionista
Stefania Ruggeri è ricercatrice e nutrizionista del Consiglio Nazionale per la Ricerca in Agricoltura e l'Analisi dell'Economia Agraria, ente pubblico di ricerca.
Esperta di alimentazione e salute, è da molti anni impegnata nella promozione dei corretti stili di vita per la salute riproduttiva e per la diffusione della Dieta Mediterranea.
Ha partecipato alla stesura di nuovi LARN, le raccomandazioni nutrizionali per la popolazione italiana, e fa parte della commissione scientifica per l'aggiornamento delle Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana. È membro di comitati scientifici internazionali per la prevenzione dei difetti congeniti e della prematurità.
Insegna Scienze e Tecnologie Alimentari presso l'Università di Roma "Tor Vergata”, e accanto al lavoro di ricerca e accademico si dedica alla divulgazione scientifica come contributor per diversi periodici nazionali e stranieri.
È consulente di trasmissioni televisive che trattano tematiche riguardanti il cibo.
STUDI E FORMAZIONE SCIENTIFICA

Compie gli studi in Scienze Biologiche cum laude nel novembre 1990 presso l’Università di Roma “Tor Vergata” discutendo una tesi di immunologia- microbiologia “Caratterizzazione morfologica, biochimica ed immunologica di batteri presenti nelle cavità fogliari di Azolla filiculoides Lam.”

Dopo pochi giorni dal conseguimento della tesi di laurea, dopo una serie di colloqui in alcuni importanti enti di ricerca e aziende italiane, sceglie un incarico presso l’Istituto Nazionale della Nutrizione (INRAN) di Roma – ora CREA Alimenti – e nutrizione e inizia qui dal novembre 1990 la sua carriera di ricercatrice, appassionandosi subito alla Scienza degli Alimenti e della Nutrizione. Vincitrice di borse di studio nazionali ed internazionali, si specializza in questi anni nello studio della composizione chimico-nutrizionale degli alimenti, dei composti bioattivi e antiossidanti presso l’Unità di Chimica degli Alimenti dell’INRAN.

Nel 1997 vince una borsa di studio europea, una “Short-term Scientific Mission”, nell’ambito “Cost Action 917 – Food Composition and Food Data“ presso l’Institute of Food Research a Norwich (UK), dove si specializza nello studio delle vitamine del gruppo B ed in particolare dei folati. Durante questo periodo all’estero, segue il corso di “Applied Nutrition and Dietetics” presso il Nutrition, Diet and Health Department presso lo stesso Istituto di Ricerca e arricchisce la sua formazione in nutrizione.

Nel 1999 nell’ambito del progetto Europeo: “Folate: from food to functionality and optimal health”, inizia una collaborazione scientifica con il professore Pierpaolo Mastroiacovo, già Professore Ordinario di Pediatria e direttore del Dipartimento di Scienze Pediatriche dell’Università Cattolica di Roma. L’incontro con il professor Mastroiacovo rappresenterà un momento importante e decisivo nell’orientamento dei suoi studi e delle sue ricerche: inizierà ad occuparsi di salute materno-infantile, specializzandosi sulla salute della donna prima del concepimento e durante la gravidanza.

Nel 2003 vince un dottorato di Ricerca in Biotecnologie degli Alimenti (XIX ciclo) DISTAAM presso Università degli Studi del Molise e consegue dopo tre anni il dottorato.

Nel 2008 si appassiona al tema della comunicazione e della divulgazione scientifica e consegue il Master: ”Le Scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali”, presso l’Università “Sapienza”, Roma, vincendo il premio come migliore tesi dell’anno. Nel 2010 si reca a Londra per seguire due training course: “Research Media and Making your point”, “Getting the message out: Press Officer skill”, presso l’AlphaGalileo Foundation Ltd, per migliorare la conoscenza della tecniche e degli strumenti per una più efficace comunicazione scientifica in ambito istituzionale.

Per completare la sua formazione in ambito nutrizionale nel 2016 si iscrive alla Società dei Disturbi del Comportamento Alimentare e partecipa ad un serie di corsi e congressi organizzati dalla società scientifica con esperti nazionali ed internazionali sulle metodologie più avanzate e accreditate per il trattamento dell’obesità del sovrappeso e dei disturbi dell’alimentazione.

E’ ideatrice e co-fondatrice l’hubSustainable Food Design

 

Che ha come suoi obiettivi principali quelli di:

  • Migliorare la sostenibilità delle produzioni delle piccole e medie imprese dell’agroalimentare italiano, (spesso per la loro stessa dimensione impossibilitate ad accedere al trasferimento tecnologico), promuovendo e concretizzando una visione nuova del concetto di qualità alimentare, capace di aggiungere ai valori già riconosciuti -gusto, territorio, tradizione- i valori nuovi della sostenibilità ambientale e sociale ancora più in linea con le esigenze dei consumatori;
  • Trasferire ai consumatori il valore aggiunto del nuovo prodotto  
  • Definire per alcuni prodotti dei veri e propri brand di sostenibilità.
      ATTIVITÁ SCIENTIFICA E DIREZIONI

      Nella sua carriera di ricercatrice iniziata nel 1990, ha partecipato ed è stata responsabile scientifico di numerosi progetti scientifici nazionali e internazionali volti allo studio del valore e del significato nutrizionale degli alimenti di origine vegetale, della Dieta Mediterranea e mirati alla prevenzione primaria delle patologie congenite, del sovrappeso e dell’obesità, collaborando con ricercatori e medici di Istituti di ricerca e ospedali tra cui l’Istituto Superiore di Sanità, l’Università Cattolica di Roma, l’Ospedale Bambino Gesù di Roma, l’Institute of Food Research a Norwich in Gran Bretagna, l’Institute of Biomedicine, L’Università of Turku in Finlandia.

      In questi anni matura una nuova e personale idea della scienza della nutrizione, lontana dai tecnicismi e dalle prescrizioni e vicina agli aspetti più intimi del rapporto con il cibo, agli aspetti culturali, sociali, ambientali.
      Fonda nel 2015 insieme ad alcune colleghe ricercatrici del CREA-Alimenti e Nutrizione, il gruppo di ricerca: “Nutrizione e stili di vita: a life course approach” .
      Le sue attività di ricerca e quelle del suo gruppo hanno come finalità primaria quella di migliorare le abitudini alimentari e gli stili di vita della popolazione attraverso l’aumento delle conoscenze e della consapevolezza su questi importanti temi, i vantaggi per la propria salute e per quella del Nostro Pianeta.
      Le direttrici scientifiche principali sono:
      Gli studi di popolazione che prevedono la valutazione delle abitudini alimentari, lo stato di nutrizione e gli stili di vita in contesti sociali e ambientali diversi, in relazione all’aumento del rischio di sovrappeso, obesità e delle patologie congenite. Il suo gruppo conduce studi di intervento su gruppi di popolazione in particolare in giovani donne, bambini e adolescenti mirati anche a valutare l’efficacia degli strumenti comunicativi nel miglioramento delle abitudini alimentari e degli stili di vita.
      Gli studi per il potenziamento della qualità nutrizionale e della sostenibilità ambientale degli alimenti con ricerche in laboratorio e in collaborazione con produttori delle piccole e medie imprese italiane.

      Dal 2004 anni è impegnata in progetti per la realizzazione di campagne di salute pubblica per promuovere corretti stili di vita e sane abitudini alimentari nell’età fertile in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, il Ministero della Salute e Ministero delle Politiche Agricole, Forestali.
      Alcuni esempi di campagne realizzate:

        COORDINAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA

        Coordina l’hub “Sustainable Food Design”, piattaforma e incubatore per supportare le piccole e medie imprese dell’agroalimentare italiano nei percorsi di miglioramento della sostenibilità delle loro produzioni. L’hub sarà luogo di pensieri, parole e azioni: verranno ideati nuovi progetti di ricerca e comunicazione, organizzati eventi divulgativi e attività di formazione per i produttori e per la popolazione, verrà creata una rete nazionale e si occuperà della scrittura di documenti e paper scientifici.

        Coordinatrice scientifica per il CREA – AN del progetto di ricerca “Sviluppo di prodotti da forno ad alta valenza salutistica, ambientale e sicurezza d’uso per la filiera cerealicola laziale”, finanziato da Lazio Innova (22 luglio 2021-22 luglio 2023) che ha come obiettivo quello di ideare e realizzare nuovi prodotti come pane, pizza, biscotti, snack a basso a basso contenuto di FODMAPS per le persone che soffrono di Sindrome dell’intestino Irritabile.

        Coordinatrice scientifica del progetto “Green Generation: programmare insieme una vita sostenibile”, “Green Generation: planning a Sustainable Life together”, un progetto che ha lo scopo di migliorare le conoscenze degli studenti delle scuole superiori italiane e di altri paesi europei sulle tematiche della sostenibilità ambientale (dicembre 2021- dicembre 2024).

        Coordinatrice scientifica del progetto di ricerca e comunicazione finanziato dal Ministero della Salute: “EPI1000: Implementazione di un percorso formativo e informativo finalizzato ad un approccio integrato epigenetico per la prevenzione nei primi 1000 giorni di vita”, che ha lo scopo di individuare i fattori determinanti tra l’alimentazione e gli stili di vita che possono migliorare la salute del bambino a partire dal periodo preconcezionale (prima del concepimento) e nei primi 1000 giorni di vita (gravidanza, allattamento, svezzamento) e soprattutto aumentare le conoscenze degli operatori sanitari e della popolazione su questi temi. Molti contenuti divulgativi sono presenti nel sito www.mammainforma.it (2018-2021).

        Coordina le azioni per un “Alimentazione Sostenibile e Inclusiva“ nel progetto: “La Certosa Inclusiva”, la prima Smart City inclusiva in Italia promosso da APS-Fondazioni e Associazioni ONLUS ROMA per la rigenerazione urbana e sociale della zona di Castelverde di Roma. http://lacertosainclusiva.it/index.php. Le azioni previste nel progetto hanno la finalità di costruire un nuovo modo di intendere l’alimentazione: alimentazione come “luogo” dell’inclusività, alimentazione partecipata, alimentazione sostenibile per la nostra salute e quella del nostro Pianeta.

        Coordinatrice scientifica del progetto finanziato dalla Regione Lazio: “Qualità certificata di un pomodoro Mini San Marzano della Piana di Fondi in relazione alla sostenibilità ambientale ed al valore nutrizionale”, in collaborazione con altri gruppi di ricerca del CREA e con produttori del territorio rivolto migliorare la qualità nutrizionale del pomodoro, prodotto simbolo della nostra Dieta Mediterranea, le tecniche di coltivazione per la riduzione del risparmio idrico e impronta di Carbonio per rendere le produzioni più sostenibili. (marzo 2018-marzo 2021)

        Coordinatrice scientifica per l’Italia del progetto multicentrico SUPRE “International Survey on Food Supplements: consumption, attitudes and understanding of the health effects by pregnant women” che valuta dell’uso dei supplementi nel periodo della gravidanza e vuole migliorare le conoscenze delle donne sulla loro effettiva necessità. Il progetto è in collaborazione con l’Institute of Biomedicine, University of Turku (Finland), la University of Surrey, (United Kingdom) e la Medical University of Warsaw (Poland) (2018-2021)

          INCARICHI SCIENTIFICI

          Ha coordinato il gruppo di esperti per la redazione del Capitolo sui “Consigli Speciali” del  Dossier Scientifico delle “Linee Guida per una Sana Alimentazione” pubblicate dal CREA- Alimenti e Nutrizione, Edizione 2018  (https://www.crea.gov.it/documents/59764/0/Dossier+Scientifico+Linee+Guida+2018.pdf/58910724-956c-d5de-9ee6-8b271835e206?t=1587466323780) 

          Ha fatto parte del gruppo di esperti per la stesura delle  “Linee Guida per una Sana Alimentazione” pubblicate dal CREA- Alimenti e Nutrizione, Edizione 2018 

          (https://www.crea.gov.it/documents/59764/0/LINEE-GUIDA+DEFINITIVO+%281%29.pdf/3c13ff3d-74dc-88d7-0985-4678aec18537?t=1579191262173)

          É stata nominata nel  2006 Delegato Scientifico dall’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, nell’ambito dei rapporti Italia –Cina,  per il SINO-Italian Workshop: “New tools to improve the Quality and Safety of Agricultural Products”  tenutosi a Pechino il 22-23 novembre 2006. 

          Nel 2005 è stata nominata Delegato Scientifico Nazionale dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) nell’ambito dei rapporti Italia-Cina, per  rappresentare l’Italia del Mese della Scienza e Tecnologia cinese per le Olimpiadi del 2008. Ha  tenuto la lecture: “Food Safety and Food quality: general wide problem”, nell’ambito del convegno internazionale: “Symposium on Systems for the Safe production of Agro-Foods for the 2008 Olympic Game in Beijing”, 17-20 September 2005, Beijing, China.

            INCARICHI ISTITUZIONALI

            Membro  della Commissione di esperti per la definizione e la redazione dei Livelli di Assunzione di Riferimento di Energia e Nutrienti per la popolazione Italiana  (LARN- SINU). 

            Membro del Comitato Scientifico dell’“Osservatorio sulla Criminalità nell’Agricoltura e sul Sistema Agroalimentare” presieduto dal Procuratore Gian Carlo Caselli. 

            Membro del Comitato Scientifico del Master di II livello in: “Psico-Neuro-Endocrino Immunologia della Nutrizione”, Università Europea di Roma.  

            Componente del gruppo di esperti per la stesura della nuova edizione delle “Linee Guida per una Sana Alimentazione”, redatte dal  Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’economia Agraria (edizione 2018).

            Componente del Comitato di Indirizzo del Corso di Laurea: “Scienze degli Alimenti e Nutrizione Umana” dell’Università degli Studi di Foggia e del Comitato  di  Indirizzo del Dottorato di Ricerca in “Qualità degli Alimenti e Nutrizione Umana” dell’ Università degli Studi di Foggia.  https://www.unifg.it/sites/default/files/allegatiparagrafo/30-01-2017/lm-61_scienze_degli_alimenti_e_nutrizione_umana.pdf

            E’ membro del Comitato Scientifico della 3rd International Food Design and Food Studies Conference “Food – Experiencing and Envisioning Food: Designing for Change- 28,29 & 30 April 2022, Lisbon Portugal https://efood2022.com/

            Membro dell’Advisory Board del Progetto SWITCHtoHEALTHY, call PRIMA 2021, Thematic Area 3-Agri-food value chain 2021, TOPIC: 1.3.1-2021 (IA)

            Membro del comitato scientifico: “Associazione per la Dieta Mediterranea Ancel Keys: alimentazione e stile di vita”.

            Membro del comitato scientifico “Osservatorio per la Dieta Mediterranea” http://www.osservatoriodietamediterranea.it/

            É stata componente del Comitato scientifico del “Network Italiano Promozione Acido Folico per la Prevenzione Primaria dei Difetti Congeniti”  coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità (2003-2016). 

            É stata componente del “PREPREG NETWORK-an International Research Network within Preconception Health and Care”  (2014-2017).  

            É stata componente dell’ Italian Scientic Board  del “Randomized clinical trial to evaluate the efficacy of high dose of folic acid to prevent the occurrence of congenital malformation”(bando AIFA htttp://www.folictrial.org) (2012-2014). 

            É stata componente della Rete Europea EUROCAT. “A European network of population-based registries for the epidemiologic surveillance of congenital anomalies” (www.eurocat-network.eu) (2012-2015). 

            É stata componente del comitato di esperti “Improving Health, Well-being e Longevity” della piattaforma italiana “Food for Life”. 

              ATTIVITÁ EDITORIALE

              Membro dell’Editorial Board dell’International Journal of Clinical Nutrition and Dietetics, ISSN: 2456. 81-71. 

              Guest editor del volume: “Functional Mechanism  of Vitamin B and their Metabolites”, nell’International Journal of Molecular Science.

              Ha pubblicato per prestigiose case editrici italiane: Gribaudo, Sonzogno.

              PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE PIÚ IMPORTANTI DEGLI ULTIMI 10 ANNI

              Nel corso della sua carriera di ricercatrice ha pubblicato più di 100 lavori scientifici su riviste internazionali, peer review e nazionali. È coautrice di documenti istituzionali 

              Tra quelle di maggiore rilevanza negli ultimi 10 anni:

              Koivuniemi E, Hart K, Mazanowska N, Ruggeri S, Egan B, Censi L, Roccaldo R, Mattila L, Buonocuore P, Löyttyniemi E, Raats MM, Wielgos M, Laitinen K. Food supplement use differs from the recommendations in pregnant women: A multinational survey. In press on Public Health Nutrition

              Caterina Montagnoli, Giovanni Zanconato, Giulia Cinelli, Alberto E. Tozzi, Chiara Bovo, Renata Bortolus, Stefania Ruggeri. Maternal mental health and reproductive outcomes: a scoping rewiew of  the current literature. Archives of Gynecology and Obstetrics, 2020 302: 801-819  

              Caterina Montagnoli, Giovanni Zanconato, Stefania Ruggeri, Giulia Cinelli, Alberto Eugenio Tozzi. Restructuring maternal services during the covid-19 pandemic: Early results of a scoping review for non-infected women. Midwifery, 2021, https://doi.org/10.1016/j.midw.2020.102916;

              Caterina Montagnoli, Stefania Ruggeri, Giulia Cinelli, Alberto E. Tozzi, Chiara Bovo, Renata Bortolus and Giovanni Zanconato. Anything New About Paternal Contribution to Reproductive Outcomes? A Review of The Evidence. World J Mens Health. 2021;39:e1.
              Published online Jan 08, 2021.  https://doi.org/10.5534/wjmh.200147; 

              Stefania Ruggeri, Pasquale Buonocore, Tiziana Amoriello. “Updated Questionnaire for the Evaluation of  the  Adherence of  Mediterranean  Diet and for Susteinable Food Choices ” submitted  to Public Health Nutrition  

              Caterina Montagnoli, Giovanni Zanconato, Giulia  Cinelli, Alberto Eugenio  Tozzi, Chiara Bovo, Renata  Bortolus & Stefania Ruggeri “Maternal mental health and reproductive outcomes: a scoping review of the current literature”, Arch Gynecol Obstet 302: 801–819( 2020)

              Caterina Montagnoli, Stefania Ruggeri, Giulia  Cinelli, Alberto Eugenio Tozzi, Chiara Bovo, Renata Bortolus,Giovanni Zanconato. “Anything New About Paternal Contribution to Reproductive Outcomes? A Review of The Evidence”, accettato per la pubblicazione l’8 novembre 2020 sulWorld Journal ofMen’s Health. 

              Elena Azzini, Stefania Ruggeri and Angela Polito.“Homocysteine: Its Possible Emerging  Role in At Risk Population Groups” Int J Mol Sci. 2020 Feb; 21(4): 1421. doi: 10.3390/ijms21041421

              Dossier Scientifico ”Linee Guida per Una Sana Alimentazione”, Edizione 2018- CREA, ISBN 9788833850375, Coordinatore del  Capitolo 2 “Consigli Speciali”, Coautore  del Capitolo 13 “Sostenibilità”. 

              ”Linee Guida per Una Sana Alimentazione”, Edizione 2018- CREA, ISBN 9788833850375 (Coautore). 

              Cinelli G, Fabrizi M, Shashaj B, Matteis G, Bedogni G, Comparcola D, Ruggeri S, Nobili V, Manco M Infant.  Feeding Practices in the First Year of Life  in a Metropolitan Italian Cohort” Journal of Food and Nutrition Research, 2018, Vol. 6, No. 2, 82-88. doi:10.12691/jfnr-6-2-3. 

              Ruggeri S., Aguzzi A., Agricola E., Bortolus R, Mastroiacovo P.“Alimentazione in epoca preconcezionale: le priorità hic et nunc”. Quaderni ACP 2018, 25 (1): 18-21. 

              Bortolus R., Ruggeri S., Agricola  E., Cesari E., Verga M.C., Mastroiacovo P.” Dalla salute riproduttiva alla salute dei bambini: perché “Pensarci prima” può fare la differenza”. Quaderni ACP 2017; 24(5): 201-205. 

              Taruscio D., Arriola L., Baldi F., Bermejo-Sánchez E., Bianchi F., Calzolari E., Carbone P., Curran R., Garne E., Gatt M., Latos-Bieleńska A., Mantovani A., Martínez-Frías M.L., Neville A., Rißmann A., Ruggeri S., Helen Dolk.“European Recommendations for Primary prevention of Congenital Anomalies: A Joined Effort of EUROCAT and EUROPLAN Projects to Facilitate Inclusion of this Topic in The National Rare Disease Plans”. Public Health Genomics, 2014, 17: 115-123. 

              Luca Marchetto, Alessandra Compagni,  Francesca Filippini, Erika Rigotti, Eleonora Agricola, Stefania Ruggeri, Alberto Eugenio Tozzi, Renata Bortolus, Pierpaolo Mastroiacovo. “Sostenere la salute riproduttiva  per ridurre i difetti congeniti e la prematurità: un appuntamento importante. Supporting reproductive health to reduce birth defects and prematurity: an important date”,  Medico e Bambino, 2014, 33: 299-303.

              Zappacosta B., Mastroiacovo P., Persichilli S., Pounis G., Ruggeri S., Minucci A., Carnovale E., Andria G., Ricci R., Scala I., Genovese O., Turrini A., Mistura L., Giardina B. Iacoviello L. Homocysteine lowering by folate-rich diet or pharmacological supplementations in subjects with moderate hyperhomocysteinemia, Nutrients, 2013, 5 1531—1543. 

              M.F. Panunzio, R. Caporizzi, A. Antoniciello, E.P. Cela, P. D’Ambrosio, L.R. Ferguson, S. Ruggeri, G. Ugolini, F. Carella, D. Lagravinese. “Training the teachers for improving primary schoolchildren’s fruit and vegetables intake: a randomized controller trial”. Ann Ig 2011 vol. 23 (6): 519-25.  

              S. Ruggeri, R. Straniero, S. Pacifico, A. Aguzzi and F. Virgili. French Marine Bark Extract -Pycnogenol®– as a Possible  Enrichment Ingredient for Yogurt J Dairy Sci. 2010, 91:4484-4491.

              CONGRESSI NAZIONALI E INTERNAZIONALI

              Nel corso della sua carriera di ricercatrice ha partecipato a più di 200 congressi nazionali ed internazionali, presentando numerosi lavori come relatrice sulle tematiche della qualità degli alimenti, sul  rapporto tra  alimentazione, stili di vita e stato di salute,  sulla prevenzione primaria in epoca preconcezionale  e gravidanza, sulla Dieta Mediterranea e Dieta Sostenibile.  

              TV 

              Partecipa come esperta di alimentazione e nutrizione  a trasmissioni  televisive tra cui Tutta Salute, La Vita in Diretta, UnoMattina, Mi Manda Rai 3, Selfie, Elisir, Siamo noi, Geo. 

              É stata consulente scientifico nella serie televisiva “Unti e Bisunti” con Chef  Rubio in onda sul canale DMax- Discovery Channel. 

              UNIVERSITÀ

              Per me insegnare significa condividere le mie conoscenze e le mie esperienze con i miei studenti, far nascere in loro il dubbio e sognare insieme l’impossibile.